-
last updated on: 15/06/16 12:31PM

   Berlusconi: Sfida tra noi e M5s, Pd si ' chiamato fuori [13/02/18 07:18PM]   
Rate this post  
Silvio Berlusconi va avanti nella sua corsa per la campagna elettorale in vista del voto del prossimo 4 marzo. Il Cav, intervenendo durante un incontro nella sede romana di Confcommercio, ha sottolinetao il suo impegno per l'appuntamento con le urne: "Sono qui come imprenditore che parla agli imprenditori, come sapete sono incandidabile. Sono sceso in campi perch' ho sentito quel dovere che avevo sentito gi' nel 1994 quando si era aperta una autostrada per l'ascesa al governo del Partito Comunista Italiano. Io a 12 anni andavo ad attaccare i manifesti della Dc, ho preso anche un p' di botte dai compagni". Poi Berlusconi, ricordando sempre la sua discesa in campo, afferma: "Capi' - ha aggiunto - che ero l'imprenditore con maggiore notoriet', tra il Milan e le mie televisioni, e scesi in campo due mesi prima delle elezioni. Ho una condanna criminale perch' secondo loro avrei guadagnato 3,5 milioni di tasse. Io sono stato abituato a resistere per', a tutte le infamie e gli attacchi, dalle falsit' come il bunga bunga, che ora si stanno rivelando come tali".A questo punto il leader di Forza Italia guarda alla sfida elettorale e mette nel mirino il Movimento Cinque Stelle: "La sfida ' fra centrodestra e Movimento 5 Stelleperch' il Pd si ' chiamato fuori: Renzi avuto il grande merito di avere tagliato i legami con il passato comunista ma non ' stato in grado di tenerei suoi e quindi la sinistra si ' divisa. Oggi ' un partito sceso al 20% equalcosa e quindi non ha alcuna possibilit'". Berlusconi a questo punto ripercorre le vicende che lo hanno coinvolto in questi anni passati in prima linea con il suo impegno politico: "Abbiamo assistito negli ultimi anni a 5 colpi di Stato in Italia, ma siccome Berlusconi era ancora il leader pi' popolare, lo sono tutt'oggi, c'' stato bisogno di inventare la condanna per metterlo fuori gioco. Nonostante i vari 'attacchi giudiziari subiti e le infamit' di cui sono stato accusato, 'ancora oggi sono sempre il leader in testa rispetto agli altri, anche se sono incandidabile...''. C'' spazio anche per una stoccata a Luigi Di Maio: "Per fare questo reddito di cittadinanza ci riempirebbero di altre tasse. Nel programma dei 5 Stelle c'' un innalzamento delle tasse sulla casa, come in Francia, le pi' alte al mondo. E poi sulla tassa di successione, una cosa immorale ed inaccettabile. Questo ' ci' che ci attende oltre alla incapacit' assoluta e all'impreparazione a governare. Di Maio non ' stato capace di prendere una laurea come potrebbe essere in grado di governare un Paese. Ci sono voci in giro che ci deve essere un altro dietro a Di Maio, il magistrato pi' spinto della sinistra italiana, che potrebbe essere il reale candidato a 5 Stelle. Se questo accadesse, spiega il leader azzurro, "mander' una cartolina dall'altra parte del mondo al presidente". Infine il Cavaliere torna a parlare dell'ipotesi di un "ministro alla Spending Review" in un governo di centrodestra: "Carlo Cottarelli l'ho sentito ieri per telefono, mi ha ringraziato e mi ha detto di essere disponibile ad entrare nella squadra di governo, uno dei 12 nomi non provenienti dalla politica". E al Cav risponde Cottarelli: "Sono stato contattato da diversi movimento politici e a tutti ho detto 'grazie ' un onore', ma al momento voglio continuare a fare il mio lavoro. Vorrei quindi chiarire di non aver dato la mia disponibilit' a nessun schieramento a partecipare in qualunque forma a un futuro governo. Fare il ministro richiede una condivisione di programma - spiega - condivisione che si pu' avere concretamente solo dopo elezioni. Ora ' difficile capire quale siano davvero i programmi dei partiti politici".

>>


   Trackbacks

      TRACKBACK URL: http://newtest.blogghy.com/trackback/1841698

   Comments

   Post a comment
Name:


Email:


5 + 2 = ?

Please write above the sum of these two integers

Title:


Comments:




Powered by Blogghy - Blog Community

Page generated in 0.3426 seconds.